Domande più frequenti (FAQ)

Prima del trattamento

La radioterapia è un trattamento localizzato, per cui questo può accadere solamente se la parte interessata dal trattamento è la testa. In molti casi, alla fine del trattamento i capelli inizieranno a ricresce normalmente.

La maggior parte dei farmaci non crea problemi se presi insieme alle radiazioni. È però necessario informare il Medico Radioterapista di ogni terapie mediche in corso, per evitare eventuali tossicità combinate.

In genere la durata di una sessione di terapia varia da 5 a 20 minuti

Si consiglia di indossare abiti comodi che possano rendere agevoli le procedure del posizionamento

Durante il trattamento

Il personale le indicherà la posizione da tenere, l’immobilizzazione e le altre manovre necessarie alla corretta effettuazione del trattamento

Certo, ma con moderazione. Un bicchiere di vino a pranzo va più che bene, basta non eccedere.

La sterilità può essere un effetto collaterale della radioterapia solo ed esclusivamente qualora il trattamento interessi ovaie o testicoli. Tutti gli altri tipi di trattamento non causano sterilità nel paziente.

No, durante le sedute radioterapiche non vi è sviluppo di calore. Tuttavia, il trattamento può indurre un assottigliamento dello strato superficiale della pelle, fino all’esposizione dello strato sottostante (derma). Questo effetto collaterale può apparire simile ad un ustione, ma il naturale rinnovamento delle cellule cutanee riprenderà subito dopo la cessazione della radioterapia.

Il medico che si prenderà cura di lei valuterà, con esami clinici e strumentali, l’andamento e l’efficacia del trattamento tenendola informata verbalmente e per iscritto.

Avrà un medico di riferimento, ma tutti i medici possono occuparsi delle sue necessità nell’immediato

Si consiglia di non interrompere il trattamento, ma i medici specialisti in radioterapia possono modificare e correggere le dosi per compensare eventuali ritardi.

Dopo il trattamento

No, le sedute di trattamento radioterapico non rendono in alcun modo radioattivo il paziente, che può quindi proseguire normalmente il resto delle giornata ed entrare normalmente in contatto fisico con altre persone, inclusi bambini e donne incinte. Le radiazioni, per quanto intense, attraversano il corpo del paziente per brevissimi istanti e sono concentrate nell’area di trattamento, per cui non vi è alcun rischio di radioattività.

Per almeno il primo anno, è altamente sconsigliato prendere il sole sulla parte soggetta o che è stata soggetta al trattamento.

Torna su